Screenshot 2015-11-30 20.12.09.png

 

Nel WWDC 2016 dovrebbero uscire nuovi modelli di Mac Book Air e forse anche di Mac Book Pro (visto che ormai sono poco aggiornati). Secondo quanto riportato dall’Economic Daily News di Taiwan, questi nuovi modelli dovrebbero essere presentati nel 2016. Questi nuovi modelli saranno molto probabilmente nelle tre colorazioni (Oro, Grigio Siderale e Argento), avere nuovi processori (al momento non ho nomi) e molte altre caratteristiche come lo spessore, e forse qualcosa di nuovo sui Mac Book Pro e/o Air.

 

Anonymus

Anonymus

Un videomessaggio degli hacktivist che affermano di aver individuato i responsabili dell’attentato e lanciano l’operazione Paris per bloccare la propaganda jihadista. Gli Anonymous, un gruppo di hacktivist che opera in tutto il mondo, lancia #OpParis. Lanciano di nuovo la guerra alle attività di cyber propaganda del Califfato. In molti video, in varie lingue, vengono minacciati i terroristi responsabili dell’attacco: <<Siamo sulle tracce appartenenti ai gruppi terroristici responsabili degli attacchi, non ci fermeremo, non dimenticheremo, e faremo tutto il necessario per porre fine alle loro azioni>>, afferma Anonymous.

 

Ore e ore di lavoro

Nel video che c’è sotto, viene ricordato come gli hacker ne siano già a conoscenza di queste tipo di azioni. << Durante gli attacchi a Charlie Hebdo, avevano già dichiarato la loro determinazione e neutralizzazione chiunque attaccasse la nostra libertà. Adesso gli hacktivist, faranno lo stesso. Dicono che dovranno aspettarsi la loro mobilitazione (degli Anonymous). La violenza non ci indebolirà, anzi, ci darà più forza per combattere l’oscurantismo e la tirannia, spiega un finto annunciatore il cui volto è coperto dalla maschera utilizzata dagli Anonymous. La maschera di Guy Fawkes, che è il simbolo del gruppo. Dopo quanto successo gli hacker hanno da subito colpito gli account di propaganda jihadista sotto una serie di operazioni sotto l’hashtag #OpIceIsis. Segnalando tutti gli account a Twitter ma anche nel vero senso della parola. Il lavoro che è durato ore e ore di intenso lavoro, portando a 26 mila account bloccati e alla chiusura di 149 siti.

 Il video in basso è un video pubblicato dalla Repubblica.it . Non sono riuscito a trovare un video senza il logo di una fonte web (come Repubblica.it)  il video seguente. Quindi per tale motivo ho solo questo. 

Solidarietà alle vittime della strage del 13 Novembre 2015

Solidarietà alle vittime della strage del 13 Novembre 2015

Non possiamo pensare a come una cosa così sia successa per colpa dei terroristi islamici. I terroristi islamici che continuano ad uccidere sia sul loro territorio, sia sul territorio francese e sia che vorrebbero attaccare anche le altre nazioni come l’Inghilterra, l’Italia e Washington. Io e tutte quelle persone che fanno del bene e cercano di evitare il terrore, siamo le persone che davvero abbiamo la forza di non buttarci giù a questi fatti che il terrorismo islamico fa. Dobbiamo cercare di non mollare e anche di non perdere tempo con le polemiche, ma dobbiamo reagire. Questa strage, è una come tutte quelle stragi che ci rimarranno in mente per tutta la vita. Dobbiamo pensare che abbiamo le varie Intelligence, gli eserciti e molti altri enti che combattono contro tutte le cose negative che succedono. Grazie ai nostri governi, troveremo tutti i modi per avere una fortissima sicurezza nel nostro paese e di trovare idee contro questi terrori. Ma in più, la cosa che più di tutte si sta cercando di trovare, questa è una soluzione, trovare una soluzione a tutti questi problemi. Dobbiamo trovare un piano per trovare la pace. La pace sarà difficile da trovare in questi periodi, ma un modo ci sarà sempre. Possiamo pensare come alla prima guerra mondiale, la prima guerra mondiale è iniziata nel 28 Luglio del 1914 e si è conclusa 11 Novembre del 1918. Questo esempio che ho appena fatto sta ad indicare che una cosa inizia ma prima o poi si finirà, e non continuerà a vita. Questa guerra invece che oggi c’è, viene anche definita dal Papa, ma anche da Berlusconi e altri politici, come una terza guerra mondiale (ma diversa dalle altre). Speriamo che non ci sia mai una terza guerra mondiale, ma sendondo quanto pensato da loro e anche altri, si pensa ad una terza guerra diversa dalle altre. Il momento di alzare di più, ma di molto, la sicurezza, è iniziato. Ora Roma, la stessa Francia, Londra ma anche Washington, hanno alzato il livello di sicurezza, così da evitarne un’altra di tragedia. 

Tim Cook a cena con Renzi da Cracco

Tim Cook a cena con Renzi da Cracco

 

Tim Cook appena dopo l’inaugurazione del nuovo anno accademico all’università Bocconi di Milano, è andato a pranzo nel centro del Duomo dove a sorpresa si è presentato un fan e ammiratore della Apple se non che presidente del consiglio Matteo Renzi. Pranzo organizzato da Cracco, in uno dei sui migliori ristoranti stellati. Renzi grazie all’incontro con Cook, ha presentato il progetto “Human Technopole. Italy 2040″”; è giunto inaspettato, ma è stato lo stesso Cook a dire che al termine dell’incontro alla Bocconi, avrebbe incontrato a pranzo Renzi. L’incontro tra Cook e Renzi potrebbe avere avuto un significato collaterale e meno formale durante il pranzo tra un primo ministro e il CEO della più potente multinazionale. Il progetto di Renzi, sarebbe quello di avere un grosso spazio alla “Silicon Valleyiana” intendo proprio come la, alla SiliconValley dove molte multinazionali come la stessa Apple, ma anche Oracle, Google, Microsoft, Yahoo e molte altre, sono state fondate se non che in gran parte nei garage. Il motivo di Renzi a far questo è proprio l’avvenuto di Cook, per il tale motivo che noi italiani entro il 2040 avremo questi spazi per le ricerche e lo sviluppo di nuove idee, lasciando il più totale spazio ai giovani pieni di talenti, idee, ma anche per i geni, che hanno moltissime abilità in quello che amano fare. Il posto sarà anche uno spazio per la gente che cerca lavoro, e ci saranno in fatti molti più spazi e il tentativo di Renzi, è quello di cercare di eliminare/uscire al meglio dalla crisi per risolvere molti vari problemi, che al giorno d’oggi ce ne sono vari, e risolverli sarebbe la cosa migliore. In fatti come aveva detto Renzi già, in una sua presentazione politica, noi dalla crisi pian piano stiamo già cercando di uscirne, e il nostro obbiettivo è quello di uscirne. In fine, durante il pranzo c’era anche Luca Maestri, persona importante che era ben noto il capo delle operazioni finanziarie di Apple.

Apple ha da poco mandsto una mail a tutti gli sviluppatori iscritti sui colloqui tecnologici nelle nostre vicinanze. Questi colloquisono solo disponibili nei seguenti stati:

In poche parole, dopo esserci prenotati dal 13 novembre alle 10:00 ora americana, 6:00 ora italiana potremo seguire questi colloqui tecnologici per capire al meglio come sviluppare per la nuova Apple TV. Gli orari sono i seguenti:

iPad Pro

iPad Pro

 

Apple ha pubblicato un nuovo video su YouTube chiamato iPad Pro – A Great Big Universe. Un ottimo grande universo, un universo di idee che possiamo fare con il nostro iPad Pro, in tutti i settori. Nel lavoro, nella scuola e molto altro, tutto con il nostro iPad Pro. Per reperire il video basta che andate a questo link.

iPhoneScreens

Secondo quanto riportato da svariati rumors, gia da mesi si pensa che Apple potrebbe riprodurre l’iPhone da 4 pollici con il design degli ultimi iPhone o un design da iPhone 7. Questo farebbe pensare ad un iPhone meno costoso dei modelli iPhone 6S/6S Plus, non penso svariati centinaia di euro in meno, ma sui 100/200 in meno circa. Questo nuovo ma presunto iPhone avrà le caratteristiche quali 3D Touch, risoluzione della fotocamera da 12 MP, girare video in 4K, forse montare il chip A9 e in più avere già installato iOS 10. Secondo Ming-Chi Kuo, Apple dovrebbe vendere sulle 20/30 milioni di unità.

Foto: Apple

Foto: Apple

 

 

Apple ha costantemente messo in atto la tecnologia attraverso il 3D Touch/Force Touch su molti dispositivi. Il prossimo passo potrebbe essere la tastiera. Secondo i nuovi brevetti pubblicati per una “tastiera ultra bassa”, le futuristiche tastiere di Apple, dovrebbero permettere differenti funzioni o comandi da assegnare secondo, “differenti livelli di forzatura in ingresso” ricevuto quando si preme il tasto. Potrebbe essere un passo avanti sulle tastiere Apple implementando questa nuova tecnologia già in uso su vari dispositivi.

Foto: Apple

Foto: Apple

Apple attualmente, sta permettendo agli sviluppatori di testare con questa nuova app Indoor Survey, il tracciamento della posizione interna. Questa app, permetterebbe agli utenti di usare la posizione interna posizionando i “punti” sulla mappa, così facendo, potremo indicare la posizione all’interno di un ambiente chiuso mentre si attraverso l’ambiente. L’app misura i segnali di radiofrequenza (RF) e li combina con i sensori dell’iPhone. Il risultato finale è il riconoscimento della posizione interna senza avere la necessità di installare hardware speciali.