Apple potrebbe aver in produzione l’iPod Touch di settima generazione, secondo un’informazione condivisa dal sito Giapponese Mac Otakara.

iPod Touch ritornerà ma con USB-C e molto altro

Vari fornitori al CES 2019, sono rimasti in contatto con la fonte Mac Otakara, che avrebbe riferito che un settima generazione di iPod Touch “potrebbe” essere in sviluppo, come sostitutivo dell’attuale sesta generazione, con la versione dell’iPod Touch di settima generazione.

image_large

L’ultimo aggiornamento all’iPod Touch è stato nel Luglio 2015, introducendo il chip A8, 8 megapixel di fotocamera posteriore e sei differenti colori.

La linea degli iPod Touch è variata di prezzo nel Luglio 2017, da 32GB e 128GB. L’iPod Touch costa 199$ per il modello da 32GB e 299$ per il modello da 128GB, modello di iPod Touch con alta capacità di memorizzazione ma, inferiore, il prezzo, rispetto al modello di iPad da 9,7″ con 128GB di capacità

Invece, gli iPod Shuffle e iPod Nano, sono stati levati dalla produzione nel 2017 ma, i piani di Apple per il rilascio o meno della linea di iPod Touch e della famiglia di iPod, in generale, non è ben chiaro.

Mac Otakara suggerisce anche che la prossima generazione di iPhone arriverà presto nel 2019 e potrebbe potenzialmente includere la porta USB-C e un nuovo design.

DigiTimes suggerisce anche che in un report del 2019, gli iPhone introdurranno la porta USB-C, sotituendo la porta Lightning, ma non sarà chiaro, ma potrebbe essere, visto che questra transazione è stata effettuata sui nuovi iPad Pro.

Sembrerebbe proprio che l’AirPower (la base di ricarica di Apple) per l’iPhone, Apple Watch e le AirPods, sia finalmente in produzione.

AirPower 1

Apple aveva annunciato questa base di ricarica Wireless, nel 2017, ma da lì ad oggi non si è visto nulla. Se questa catena di montaggio di Hong Kong, confermerebbe tali prove, che la produzione è realmente partita, allora, forse, al prossimo Keynote, se non prima, dovremmo vedere questo AirPower.

“Abbiamo solo appreso, da una fonte credibile, che la catena di montaggio Luxshare Precision avrebbe iniziato la produzione della base di ricarica Wireless, l’AirPower di Apple,” ha riferito tramite un tweet, dal sito ChargerLab. Luxshare Precision è, inoltre ben conosciuta, situata a Guangdong, Cina, per la produzione delle AirPods di Apple.

ChargerLab ha anche riferito che, Pegatron, farà partire la produzione della basetta di ricarica Wireless di Apple, verso la fine di questo mese. (L’azienda di Taiwan che produce gli iPhone).

https://twitter.com/chargerlab/status/1083952811887357952/photo/1

Perché ci sono tutti questi ritardi ?

Apple aveva presentato l’AirPower ben 16 mesi fa’, durante la presentazione degli iPhone 8 e dell’iPhone X, i primi iPhone, con supporto alla ricarica Wireless.

L’iPhone, appoggiato sulla basetta di ricarica Wireless, con gli altri due device (AirPods e Apple Watch) sulla basetta, permette all’iPhone, di controllare tutti gli stati delle batterie.

Quest’ultima feature, che ha causato vari problemi agli ingegneri, perché causava, se appoggiati tutti e tre i dispositivi sopra la basetta, causavano un ammontare di calore non accettabile.

Sembrerebbe che, tale problema, sia stato aggirato e sistemato. Dopo un ridicolo periodo di tempo di attesa, l’AirPower, potrebbe presto essere lanciato sul mercato.

Il ritardo di tale prodotto, potrebbe essere anche dovuto alll’attuale Governement Shutdown. Se Apple non ha ancora ricevuto alcuna approvazione dalla FCC (Federal Communications Commission), la basetta di ricarica Wireless, non potrà essere rilasciata.

Fonte: ChargerLab

Le vendite dei Mac sono scese nel quarto trimestre 2018, secondo le ultime stime di vendite di PC, condiviso da Gartner.

iPhone Taglio Produzione 10%

Durante il quarto trimestre, Apple ha venduto un numero stimato di 4.9 milioni di Mac, in calo, rispetto ai 5.1 milioni, durante lo scorso quarto trimestre. Apple ha condiviso una crescita di mercato, da 7.1% nel 3Q18 al 7.2%.

gartner_4Q18_global-1

Numero preliminare di vendite di PC in tutto il Mondo, stimato per il 4Q18 (migliaia di Unità)

Apple continua a mantenere la sua quarta posizione, come numero di PC venduti a livello mondiale, a seguire, salendo, ci sono Dell, HP e Lenovo, ma Asus e Acer, sono dopo la Apple.

Lenovo è la migliore, nella vendita di PC, con un numero pari di vendite a 16.6 milioni di computer venduti e 24.2% del market share, seguito da HP, con 15.4 milioni di vendite e 22.4% del market share, con Dell al terzo posto con 11 milioni di vendite e il 15.9% del market share. Asus segue Apple con 4.2 milioni di vendite e il 6.1% di market share, come per Acer, con 3.9 milioni di vendite e il 5.6% di market share.

gartner_4Q18_trend

Market Share, il Trend di Apple

Le vendite dei Mac, seguite da un trend che ha influenzato molti produttori di PC, le vendite dei PC a livello mondiale raggiungono i 68.6 milioni, con un 4.3% dai 71.7 milioni di PC venduti nel quarto trimestre del 2017.

Apple ha anche visto un piccolo declino sul numero di Mac venduti negli Stati Uniti.

Apple ha venduto 1.76 milioni di Mac durante il trimestre, in calo da 1.8 milioni nello scorso trimestre, per un 2.1% di crescita e 12.4% di market share (salita del 12.1%).

gartner_4Q18_us

Numero preliminare di vendite di PC in tutto il Mondo, stimato per il 2018 (migliaia di Unità)

IDC ha anche rilasciato le proprie stime di vendite, nient’altro che un declino di vendite per Apple. IDC ha anche classificato Apple al quarto posto per numero di PC venduti a livello mondiale, raggiungendo 4.9 milioni nel quarto trimestre del 2018.

I dati della IDC, suggeriscono che le vendite dei Mac sono in calo del 3.8%, con un market share rimasto costante. Come per Gartner, IDC stima che Apple abbia venduto 18 milioni di Mac nel 2018, in calo di 19 milioni dal 2017.

E’ importante notare che i dati che vengono da Gartner e IDC, sono solo dei valori stimati e nulla di dettagliato e accurato, quanto i dati forniti dalla stessa Apple.

Apple non pianificherà più lo stop alle unità di vendita per gli iPhone, iPad e Mac, così facendo, determinerà il numero esatto di Mac venduti e non ci sarà più alcun modo per procedere oltre.

Mentre le vendite sono in calo durante il trimestre festivo, Apple dovrebbe ringraziare il rilascio dei nuovi propria MacBook Air. I nuovi MacBook Air, completamente riprogettati, con un display Retina, supporto alla Thunderbolt 3, fino a 16GB di RAM, il Chip T2 (per il Touch ID), il nuovo meccanismo a farfalla, il trackpad Force Touch e molte altre features.

Fonte: Gartner

Apple ha attualmente tagliato la produzione degli iPhone del 10%, per i primi tre mesi del 2019, quanto detto in un nuovo report. Questo segue la lettera scritta da Tim Cook agli investitori, che rivela un declino delle vendite degli iPhone, per la prima volta, che stà causando una mancanza di guadagni, per la prima volta in 16 anni.

iPhone Taglio Produzione 10%

Secondo Nikkei Asian Review, questa è la seconda volta in due mesi che, Apple abbia pianificato di tagliare la produzione degli iPhone. Questo taglio, è stato applicato a tutti e tre i nuovi modelli di iPhone, incluso l’iPhone XR, iPhone XS e XS Max. “Il livello di revisione è differente per ogni fornitore,” citato dalla fonte.

Apple ha fatto richiesta ai suoi fornitori, prima che la problematica sui guadagni venga ricontrollata.

iPhoneXS

In dettaglio, il piano di revisione per tutti gli iPhone (inclusi i modelli passati) saranno ridotti da una produzione di 47-48 milioni a 40-43 milioni di unità. Questo dovrebbe, in teoria, essere il 20 percento in più, di riduzione, dai 51.21 milioni di unità che Apple aveva venduto nel trimestre dell’anno scorso.

I numeri, in tal caso, potrebbero essere differenti, dovuti ad un inventario preso in linea generale e il numero di tali unità prodotte che Apple è attualmente capace di vendere.

Non sorprendente sono il numero di fornitori, che hanno fatto decrementare la domanda di richiesta degli iPhone.

Il produttore delle lenti per le fotocamere la Largan Precision, ha riferito che durante il mese di Novembre c’è stato il 20% del taglio delle vendite, dal 2013. Le cover di Metallo della catena di fornitura Catcher Technologies, che produce cover gli iPhone XR e iPhone XS Max, nel frattempo, ha causato il 28% di declino dei guadagni con lo stesso mese dello scorso anno.

“Aspetteremo le condizioni di mercato verso la fine del 2018 e continueremo nel 2019,” Catcher riferisce agli investitori, descrivendo la prospettiva della domanda, che è “molto incerta e volatile”

Fonte: Apple

Questa cosa, che Apple portava i suoi contenuti TV, quali iTunes e AirPlay 2 sulle televisioni delle concorrenza, era IMPENSABILE, ora, è semplicemente disponibile !

Samsung ha annunciato che le sue Smart TV offriranno iTunes Movies, serie TV e il supporto ad AirPlay 2.

Nei modelli di Smart TV, a partire da questo anno e per i modelli dell’anno 2018, tramite aggiornamento firmware.

Samsung-TV_iTunes-Movies-and-TV-shows-780x495

L’app iTunes Movies e le TV Shows (per le serie televisive) permetteranno agli utenti di accedere alla propria libreria iTunes, così facendo, si rimuoverà una grande limitazione, per i possessori di dispositivi Apple, che, avendo acquistato serie TV e film, sulla piattaforma Apple, ora si può !

AirPlay 2 invece, permetterà di riprodurre quell che si ha sul proprio iDevice (dispositivo Apple), direttamente su una Smart TV.

“Siamo orgogliosi di lavorare con i leader top, per il rilascio di servizi sulle nostre piattaforme Smart TV,” ha riferito Won-Jin Lee, Executive Vice President, Service Business of Visual Display alla Samsung Electroncs, in una dichiarazione.

“Portare più contenuti, valori e aprire funzionalità alla piattaforma per i possessori di Smart TV Samsung e ai clienti Apple, tramite iTunes e AirPlay è un’idea per tutti.”

Le novità di iTunes saranno disponibili esclusivamente per Samsung. In tal caso, arriverà presto per altri produttori di Smart TV, che offreranno il supporto ad AirPlay 2.

Seguendo il sito Apple, “leader nella produzione di TV integrando AirPlay 2 direttamente nelle loro televisioni, così da condividere i propri contenuti dall’iPhone o iPad direttamente sulla Smart TV o tramite Mac direttamente sulle Smart TV con AirPlay 2 abilitato”.

Ultimamente ci sono vari rumors sui prossimi modelli di iPhone, l’iPhone del 2019, che si pensa avrà tre-lenti sulla fotocamera posteriore ma, con una strana e insolita configurazione, se tutto questo report non confermato, risulterà corretto.

Non è la prima volta che si sente vociferare sull’iPhone del 2019, che come detto, avrà ben tre lenti sulla fotocamera posteriore.

0FE88C10-27BE-4225-A991-51B601800E84-780x439

Piuttosto che avere una fotocamera con lenti allineate, presumibilmente la disposizione sarà triangolare, secondo OnLeaks.

OnLeaks avvisa che tale foto che è stata trepelata, è ancora sotto testing dalla Engineering Validation Testing (EVT), tale design può cambiare.

32AF27F8-0B73-4141-BD87-64BF2DB707D6-780x439

Mentre questa disposizione sembra molto strana, questi rumors potrebbero essere facilmente dimenticati, OnLeaks ha uno storico di rumors affidabili. Questa fonte aveva postato le foto, molto accurate e schematiche dell’iPad Pro del 2018, alcuni mesi prima del suo annuncio di riprogettazione, per esempio.

Perché la terza lente, sull’iPhone del 2019?

I modelli attuali di iPhone, iPhone XS includono due lenti da 12MP, un grandagolare e il telephoto con uno zoom ottico 2x, entrambi creano un effetto Bokeh. Non è ancora ben chiaro il perché della terza lente, basta dare uno sguardo alla concorrenza, guardiamo il Samsung Galaxy A7, ha tre lenti, una delle quali con un’elevata risoluzione: 24 MP. Tale cosa ci fà pensare che qualcosa di simile, lo vedremo proprio sui prossimi dispositivi Apple.

Un’altra opzione può essere lo Time Of Flight (ToF), tradotto è Telecamera a tempo di volo, per la Realtà Aumentata.

Time of Flight – ToF

La telecamera a tempo di volo, è uno strumento che permette di stimare in tempo reale la distanza tra la telecamera e gli oggetti o la scena inquadrati, misurando il tempo che occorre ad un impulso luminoso per percorrere il tragitto telecamera-oggetto-telecamera.

Fonte: Wikipeadia.

Questa opzione, dovrebbe usare un laser lungo l’ambiente e userà il tempo necessario per prendere la luce e calcolare la distanza degli oggetti vicini. Un’ultimo report, indica che Apple stà considerando  di aggiungere il ToF nei prossimi modelli di iPhone e iPad.

 

Fonte: OnLeaks

Nonstante ci siano notizie non molto piacevoli sugli iPhone, durante il mese di Dicembre, Apple ha oggi annunciato che l’App Store ha raggiunto nel solo periodo di feste e inizio anno nuovo, 1.22 miliardi di dollari.

App-Store-caps-record-breaking-2018-with-blockbuster-holiday-week-01032019.jpg

Foto: Apple

Specialmente per il nuovo anno, i vari clienti hanno speso sull’App Store oltre i 322 milioni di dollari in acquisti, nuovo record in un singolo giorno.

“L’App Store, che batte un record, durante le la settimana delle feste e, durante il nuovo anno. La settimana delle feste, per noi, è stato un grande traguardo, con oltre 1.22 miliardi di dollari spesi tra giochi e applicazioni, e il nuovo anno, ci ha fatto arrivare ad un nuovo record, più di 322 milioni di dollari,” ha detto Phil Schiller, Apple senior vice president del Marketing Worldwide. “Grazie per il lavoro dei nostri sviluppatori pieni di talento e per il supporto rivolto ai nostri incredibili clienti, in tutto il mondo, l’App Store ha concluso in bellezza il 2018, ed è partito molto bene, in questo 2019.”

I giochi e la cura-personale, sono state le applicazioni più popolari, con un numero elevato di download, durante le feste. Fortnite e PUBG sono stati i giochi più scaricati, durante il periodo festivo, con, anche, a seguire, Brawl Stars, Asphalt 9 e Monster Strike.

Secondo Apple, l’App Store ha portato le entrate della sua categoria di servizi ad un recordo mai visto prima, durante il periodo festivo, con più servizi Apple, che includono Apple Music, servizi di Cloud, Apple Pay e il Business sulle pubblicità su l’App Store (le Search Ads), permettono ad Apple di raggiungere un’importante record.

Con il fatto che Apple stia vendendo meno iPhone, spera che gli investitori spostino l’attenzione su altre aree della propria attività. A Novembre Apple, ha dichiarato che non fornirà più i dati di vendita unitari sugli iPhone, iPad e i Mac ma, ha detto ieri, che verranno fornite altre informazioni, come il margine lordo dei servizi.

Fonte: Apple