Se ultimamente hai ricevuto pubblicità in base alla posizione in cui ti trovi e hai tutte le impostazioni sulla posizione disabilitate, allora dovrai pensare che Facebook stà “giocando sporco”, nel senso che Facebook utilizza informazioni come il tuo indirizzo IP per determinare la posizione e mandarti pubblicità mirate.

facebookadtargeting-800x467

Foto: Facebook

Quanto riferito dall’articolo sul sito Medium, condiviso da Aleksandra Korolova, assistente del professore di Computer Science presso la USC.

Korolova ha notato che gli arrivano pubblicità su Facebook, in base alla posizione in cui lei si trova, anche con tutte le impostazioni sulla localizzazione disabilitate.

Tuttavia, Facebook mi mostra pubblicità mirate a “persone che vivono vicino a Santa Monica” (Il luogo dove vivo) o “persone che vivono vicino a Los Angeles” (Il luogo dove lavoro). Inoltre, ho notato che, dove mi sposto per viaggi di lavoro o personali, Facebook continua a tenere traccia della mia posizione e la usa per mandarmi pubblicità: un viaggio al Glacier National Park, è risultata una pubblicità sul pesce bianco, Montana, un viaggio a Cambridge — in una pubblicità per il business, e una visita a Herzeliya, Israele.

Come Facebook spiega sulla sua pagina delle pubblicità, Facebook Ads colleziona dati basati sulla posizione su “dove ti connetti ad Internet” e “dove usi il tuo telefono”, aka i dati quali gli indirizzi IP, Wi-Fi e Bluetooth. Quanto Korolova sottolinea, Facebook non spiega che, disabilitando tutti i servizi di localizzazione, non impedirà a Facebook di “fare di tutto per ottenere e utilizzare i dati sulla posizione per la pubblicità”.

Facebook non rende segreto che sta usando gli indirizzi IP e altre informazioni per le pubblicità mirate, ma molte persone, probabilmente, non sono consapevoli che la loro posizione viene tracciata per ottenere e usare i dati della posizione per le pubblicità.

korolova sostiene che Facebook, deve fare di meglio, perché, i luoghi che visitano o dove vivono le persone, possono rilevare molte informazioni riguardo la persona, e queste informazioni che qualsiasi inserzionista Facebook può trarne vantaggio tramite le pubblicità. Facebook dovrebbe fornire degli strumenti “rilevanti” sulle informazioni di posizione che collezzioniamo, invece di disabilitare i servizi di localizzazione che attualmente non hanno alcun senso, perché i dati sulla posizione continuano comunque a collezionare vari dati, tramite l’indirizzo IP.

In una dichiarazione fornita a Gizmodo, Facebook ha confermato che non usa le informazioni tramite indirizzo IP per gli scopi di tracciamento della posizione e che non c’è alcun modo di disabilitare del tutto, il tracciamento della posizione.

“Non c’è alcun modo, per le persone, di uscire del tutto, dall’utilizzo della posizione per le pubblicità,” un portavoce di facebook ha riferito a Gizmodo. “Utilizziamo la posizione a livello di codice zip o città nel quale collezioniamo gli indirizzi IP e altre informazioni tale come i check-in e la città corrente del proprio profilo per garantire che stiamo fornendo alle persone un buon servizio — ci assicuriamo che gli utenti vedano Facebook nella lingua giusta per garantire the vengano mostrati gli eventi in zona e le pubblicità per le imprese locali.”

Se utilizzi Facebook, non c’è alcun modo di impedire il tracciamento della tua posizione, ad eccezione che non usi o voglia usare una VPN ogni volta. Uscire da Facebook e rimuovere l’app del tutto è il solo modo per assicurarsi che il sito non ti tracci, e anche allora, Facebook ha dei “profili ombra – Shadow Profiles” con i dati sulle persone che non hanno mai usato i social network.

Fonte: Medium