Articoli

Tim Cook Ohio State Commencement

Tim Cook, l’amministratore delegato di Apple, ha tenuto un “discorso virtuale” di apertura per gli studenti dell’Università dell’Ohio.

L’incontro è stato virtuale a causa delle misure sanitarie.

Il discorso

Tim Cook ha detto:

Laureati, mi dispiace che oggi non festeggiamo insieme. La vostra classe è speciale, segnata dalla storia come poche altre nei 150 anni dell’OSU, l’Ohio State University. E sebbene non siamo fianco a fianco nello stadio, so che i vostri genitori, i vostri cari, gli amici e gli insegnanti, non sono meno sopraffatti dall’orgoglio in voi e in ciò che avete raggiunto.

Inoltre, ha anche detto due parole su Steve Jobs:

Quando ero entrato in Apple nel 1998, non potevo credere alla mia fortuna. Avrei trascorso il resto della mia vita professionale lavorando per Steve Jobs. Ma il destino arriva come un ladro nella notte. La solitudine che ho provato quando abbiamo perso Steve è stata la prova che non c’è niente di più eterno, né più potente, dell’impatto che abbiamo sugli altri.

Infine, Tim Cook, invita i laureati a creare il miglior futuro possibile:

Siate orgogliosi dei vostri genitori e nonni, delle vostre zie, zii e degli insegnanti, delle comunità che vi hanno modellato in modo visibile e invisibile. Molti di voi hanno faticato a meritarselo. Adesso è vostro. Pensateci, agite di nuovo. Costruite un futuro migliore.

Il livestream della commemorazione virtuale alla Ohio State University puoi trovarla qui.

Seguimi sui social

📰 Leggi gli ultimi articoli

🎯 Scopri le offerte imperdibili

📩 Twitter

📺 YouTube

📩 Facebook

📩 Instagram

Il CEO di Apple, Tim Cook, crede che quando si tratta di grandi affari, l’esame accurato sia una cosa buona, ma ha negato che Apple sia un monopolio.

Nell’intervista alla CBS News, Cook ha detto che a causa delle dimensioni di Apple, ha pensato fosse “giusto” controllare le sue pratiche commerciali, ma il CEO ha respinto con forza le affermazioni secondo cui la società aveva una posizione dominante in qualsiasi mercato.

Apple, recentemente è divenuta il bersaglio di azioni legali collettive e di richieste di indagini, che hanno varie domande sulle pratiche di business. Negli Stati Uniti, per esempio, la Corte Suprema ha recentemente avviato una class action accusando Apple di operare il monopolio con l’App Store, procedendo al processo in una corte inferiore.

Chiedendo a Elzabeth Warren, riguardante la campagna presidenziale e la sua posizione, dove Apple, ci dovrà essere la ‘rottura’ dell’App Store e le altre parti del suo business, Cook ha detto:

Sono pienamente in disaccordo con questo. Penso che alcune persone dovrebbero discutere, se tu vendi un bene, poi non puoi avere un prodotto che compete con altri. Inoltre — Penso che questa parte dev’essere discussa bene. Ma, questo — un’argomento, che ti porta lungo il percorso, Walmart non dovrebbe essere un’alternativa scioccante o un marchio di casa. Così, questo è il decennio della — della — legge degli Stati Uniti. Penso che scrutinare sia buono, e racconteremo la storia a tutti quelli di cui abbiamo bisogno o che — vogliono sentirlo — Mi sento molto fiducioso della — nostra posizione.

Cook ha continuato a sottolineare che la l’azienda è centrata sulla posizione dell’utente e ha detto che quando si tratta di Privacy e Fake News (notizie false), “siamo dal lato utente,” questo è il perché noi curiamo i contenuti sui nostri negozi e servizi.

A Cook gli è stato domandato se Facebook è un’amplificatore di fake news, lui ha detto che è preoccupato di qualsiasi piattaforma che fornisce notizie e di avere un’algoritmo per differenziare il giornalismo vero dalle notizie false.

Personalmente, non credo che l’A.I (Intelligenza Artificiale) ha oggi il potere di differenziare tra le vere notizie e quelle false. Sono preoccupato che ogni proprietà che oggi fornisce notizie. Quello che noi facciamo con Apple News, il prodotto dove forniamo storie di spicco e abbiamo le persone che possono farlo. Così non mi preoccupo del pensiero delle persone, come le macchine. Le macchine non pensano come le persone.

Tutta l’intervista, per esteso, copre anche altri argomenti, incluso il potenziale impatto delle tariffe Cinesi su Apple, la sua relazione con il Presidente Trump e, le attuali politiche dall’amministrazione degli Stati Uniti.

Puoi vedere tutta l’intervista in basso e leggere la trascrizione qui.

Fonte: CBS News

Sen Warren

La Senatrice Elizabeth Warren, che è in corsa per le presidenziali del 2020 come candidato democratico, vorrebbe apportare dei cambiamenti Strutturali all’interno del settore tecnologico, al fine di promuovere una maggiore concorrenza.

La Senatrice Warren ha condiviso più dettagli sul perché vorrebbe fare questa cosa.

00051C42-la-senatrice-elizabeth-warren

La proposta di Warren è quella di avviare un persorso per ripristinare la competizione che c’è nel settore tecnologico, in due fasi principali. La prima è una legislazione che richieda ai Big Tech che vengano considerate come “Platform Utilities”, separate da qualsiasi titolo della partecipante sulla rispettiva piattaforma.

La prima proposta influirebbe direttamente su Apple, visto che l’App Store diventerebbe una Platform Utilities e non consentirebbe ad Apple di pubblicare app di prime parti.

In poche parole, Apple dovrebbe scegliere tra la gestione dell’App Store o tra la realizzazione e la distribuzione delle proprie app. Ovviamente tale legge colpirebbe anche gli altri Big della tecnologia, come Amazon, con il suo Marketplace e Google con il Play Store.

La seconda proposta invece, l’amministrazione Warren nominerebbe dei regolatori impegnati a limitare le fusioni tecnologiche anticoncorrenziali.  La senatrice sostiene che eliminare tali fusioni promuoverebbe una sana concorrenza nel mercato e migliorerebbe la qualità dei prodotti. In basso, le parole della senatrice:

Ecco cosa non cambierà: sarai ancora in grado di andare su Google e cercare come fare qualcosa. Sarai comunque in grado di andare su Amazon e trovare 30 diverse macchine da caffè che potrai ricevere a casa tua in due giorni. Sarai comunque in grado di andare su Facebook e vedere cosa sta facendo il tuo vecchio amico di scuola.

Ecco cosa cambierà: le piccole imprese avrebbero la possibilità di vendere i loro prodotti su Amazon senza il timore che Amazon le faccia chiudere. Google non potrà più soffocare i concorrenti abbassando i prezzi dei loro prodotti su Ricerca Google. Facebook dovrebbe affrontare la pressione reale di Instagram e WhatsApp per migliorare l’esperienza utente e proteggere la nostra privacy. Gli imprenditori tecnologici avrebbero una possibilità di combattere contro i giganti della tecnologia.

La senatrice Elizabeth Warren concorrerà alle primarie dei democratici. Una sua vittoria potrebbe cambiare il Mondo tecnologico negli Stati Uniti.